Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece previsti cookie tecnici e di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

ACCETTO
Menu
Ora in onda

Nek a #Rilive: “#lamusicaèpiùforte e l’amore ancora di più” Sul palco con l’amico J-Ax per “Freud” 18-06-2017

Dopo Samuel, a RADIO ITALIA LIVE – IL CONCERTO in piazza Duomo a Milano è il turno di Nek, che saluta il pubblico e intona subito “Uno di questi giorni”, brano estratto dal suo ultimo album “Unici”. Indossa una maglietta bianca per dire #lamusicaèpiùforte, l’iniziativa lanciata da Radio Italia per dire “No” alla paura dopo i recenti attacchi di Manchester. Braccia al cielo e si canta.

Il pubblico dedica poi a Filippo Neviani un coro: “Sei bellissimo!”.

Che bello essere qui per un altro anno, è meraviglioso questo pubblico visto da qui. Con i tempi che corrono stare uniti è una bella cosa. Samuel ha addirittura riportato il messaggio #lamusicaèpiùforte. Ci siamo messi la maglietta bianca, un colore che raggruppa tutti gli altri colori. Siamo tutti d’accordo che la musica è più forte ma l’amore è ancora più forte di tutto”, commenta l’artista.

Poi, come aveva anticipato alla redazione di Radio Italia nella rubrica #atupertu, arriva “Differente”. E il pubblico la accompagna con le luci degli smartphone dall’inizio alla fine.

Veramente un gran privilegio. Possiamo andare con l’ultimo pezzo e c’è una sorpresa”. Nek inizia a cantare “Freud” e viene raggiunto sul palco dall’amico J-Ax, con il quale ha inciso il pezzo: “Siamo come siamo ma l'amore cos'è? Il tuo baricentro, un gioco d'istinto”. “Signori un applauso per J-Ax” dice Nek. Subito arriva la risposta del rapper: “Milano fatti sentire per mio fratello Nek. Io torno dopo”.

Dopo Nek, è il momento di RADIO ITALIA 3.0 con Elodie. Al termine, un duetto inaspettato, quello di Luca e Paolo con Nek in una versione rivisitata di “Noi, ragazzi di oggi” di Luis Miguel, che diventa “Adulti di oggi” e che prende in giro il rapporto dei grandi con i social network.

18-06-2017 © RIPRODUZIONE RISERVATA