Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece previsti cookie tecnici e di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

ACCETTO
Menu
Ora in onda

Grazie a Lucio Dalla, il Natale a Bologna dura tre mesi Le luminarie de “L'anno che verrà” resteranno accese fino a marzo 16-01-2019

Grazie a Lucio Dalla, il Natale a Bologna durerà 3 mesi. Le luminarie con i versi de “L'anno che verrà” rimarranno esposte in centro fino al 6 marzo.

L'installazione artistica è stata realizzata dall'artigiano napoletano Antonio Spiezia in via D'Azeglio, dove viveva Lucio, ed ha riscontrato molto successo negli scorsi mesi, contribuendo ad accrescere il fascino della città.

L'iniziativa, con il patrocinio di Comune di Bologna e della Fondazione Lucio Dalla, accompagnerà Bologna al programma di appuntamenti che celebreranno il prossimo compleanno del cantautore, nato il 4 marzo 1943.

Le luminarie con il testo de ‘L’Anno che verrà’ sono diventate una vera e propria attrazione e hanno riscosso un grande successo a livello locale e nazionale”, afferma l'assessore alla Cultura e promozione della città, Matteo Lepore. “Abbiamo accolto la proposta del Consorzio via D’Azeglio pedonale di mantenerle installate e accese fino ai giorni delle celebrazioni di Lucio Dalla. Si tratta infatti di un’iniziativa che merita il nostro pieno sostegno e di un’idea in linea con il recente Patto di Collaborazione sottoscritto con la Fondazione Lucio Dalla per la valorizzazione del legame della città di Bologna con il suo cantautore, del tratto caratteristico e distintivo di questo rapporto che affonda le radici proprio in via D'Azeglio dove Lucio Dalla ha vissuto”.

"Ci riempie di gioia il fatto che sia stata accolta la nostra richiesta di prolungare l’installazione di questo progetto artistico” afferma Simone Dionisi, presidente del Consorzio Esercenti di Via D'Azeglio. “L'opera ha ottenuto un grande successo e, passeggiando lungo la via, ogni giorno è facile incontrare persone col naso all’insù che spontaneamente intonano le parole della canzone e di questo il Consorzio è orgoglioso, perché ha ottenuto lo scopo che si era prefissato, ovvero convogliare quella magia e quell’amore che, come il Natale, solo le canzoni sono in grado di accordare a tutti. Aspettiamo tutti lungo via D’Azeglio per cantare ancora insieme 'L’anno che verrà'".

Soddisfatto anche Andrea Faccani, presidente della Fondazione Lucio Dalla che commenta: "Questa iniziativa, e il grande successo che ha ottenuto, testimonia l’affetto per Lucio da parte della sua Città e di tutti coloro che vengono a Bologna per ritrovarlo, passeggiando nei luoghi in cui Lucio ha vissuto, che ha amato e che hanno ispirato le sue canzoni. Un’iniziativa di cui siamo grati e che con entusiasmo condividiamo, lieti che possa continuare a regalare emozione e magia".

16-01-2019 © RIPRODUZIONE RISERVATA

VIDEO