Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece previsti cookie tecnici e di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

ACCETTO
Menu

Clandestino

BIOGRAFIA

La storia del gruppo si ricollega a quella di Luciano Ligabue: nel 1989 l'allora semisconosciuto Ligabue è alla ricerca di una band per incidere il suo primo album. Assistendo a un concerto del gruppo dei Pekino fa conoscenza con due componenti di questa band, il chitarrista Max Cottafavi e il batterista Gigi Cavalli Cocchi, e li convince a unirsi a lui. I due gli indicano come bassista un loro amico, Luciano Ghezzi, che accetta la proposta, ed i tre entrano in studio col Liga per registrare il primo album del rocker di Correggio, "Ligabue", che uscirà nel 1990. Nelle pause del tour Ligabue e la sua band rientrano in studio per incidere "Lambrusco coltelli rose & popcorn", che uscirà nel 1991: è in questo periodo che il gruppo prenderà il nome di Clan Destino.

Nel 1993 i Clan Destino tornano in studio col Liga per incidere un nuovo album "Sopravvissuti e sopravviventi", con Gianfranco Fornaciari che prende il posto di Marani alle tastiere. Sempre nel 1993 insieme a Ligabue i Clan Destino aprono i concerti degli U2 a Napoli e Torino, e partecipano alle incisioni del quarto album del Liga ("A che ora è la fine del mondo?", uscito nel 1994). 

La rottura matura nel 1994. La carriera di Ligabue l'anno successivo avrà una svolta decisiva con l'album "Buon compleanno Elvis", che lo porterà a diventare uno dei più popolari cantanti italiani.  I Clan Destino intraprendono a loro volta la carriera solista, con Gianfranco Fornaciari alla voce e alle tastiere. Nel 1994 pubblicano il loro primo album solista, molto rock, dal titolo "Clan Destino", a cui segue nel 1995 "Cuore, stomaco e cervello", con Fabrizio Palermo che sostituisce Luciano Ghezzi nel ruolo di bassista.

Nel 1996 la band decide di sciogliersi, ed i vari componenti intraprendono strade diverse: Max Cottafavi diventa uno dei più apprezzati chitarristi rock italiani suonando tra gli altri con Franco Battiato e Francesco Renga; Gigi Cavalli Cocchi entra e resta per sei anni nei C.S.I. e fonda i Mangala Vallis, collabora con musicisti inglesi come David JAckson e Judge Smith (Van Der Graaf Generator), entra nella band di evolution rock Moongarden e fonda nel 2009 un'etichetta discografica con Cristiano Rovesi: Distilleria Music FActory; Luciano Ghezzi collabora con molte band, mentre Giò Marani diventa un apprezzato turnista di studio. Fornaciari infine diventa produttore. Nel 2004 avviene la riunione della band nella formazione originale: Max Cottafavi, Gigi Cavalli Cocchi, Luciano Ghezzi, Giovanni Marani e, alla voce, Lorenzo Campani. Il gruppo suona le canzoni dei suoi due dischi solisti più le canzoni più belle e famose dei primi tre dischi del Liga, con cui suonano il 10 settembre 2005 al Campovolo di Reggio Emilia, sul cosiddetto Palco Vintage. Nel 2006 sono coinvolti da Ligabue nel "Nome e cognome tour" 2006. Il 6 gennaio 2010 è uscito, in occasione del raduno del fans club di Ligabue, dove il gruppo ha suonato, un nuovo singolo dei Clan Destino nella formazione originale degli anni '90. Il brano, dal titolo "Il giorno che verrà", prodotto con la collaborazione di Ligabue. Con questa stessa formazione nel 2011 i Clan Destino accompagnano sul palco Ligabue per una parte di Campovolo 2.0. Pur mantenendo il nome Clan Destino in occasione dei concerti con Ligabue, il gruppo sotto il nome di Club Destino, dopo l'uscita del chitarrista Max Cottafavi in favore del nuovo membro Niccolò Bossini, pubblica un cofanetto cd+dvd live uscito nel 2007 dal titolo "Registrazioni Clandestine"

Discografia Night Waves - Single

Night Waves - Single

  • Night Waves (Hardway Bros Remix)
    2015
  • Night Waves
    2015