Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece previsti cookie tecnici e di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

ACCETTO
Menu
Ora in onda

Enrico Ruggeri

BIOGRAFIA

Nasce a Milano il 5 giugno 1957. Nel 1972, a 15 anni, fonda il suo primo gruppo, i Josafat, che nel 1974 si trasformano in Champagne Molotov (nome che ricorrerà spesso nella prima parte della carriera solista). Nel 1977 dalla fusione degli Champagne Molotov e la band Trifoglio, nascono i Decibel, con cui incide nel 1978 il primo album Decibel.

Il successo arriva con la partecipazione a Sanremo con il brano Contessa e l'album Vivo da re, la cui title-track prenderà parte al Festivalbar di quell'anno.Nel 1981 Enrico Ruggeri intraprende la propria carriera solista prodotto da quello che diventerà il suo produttore storico, Silvio Crippa, e avviando la pluridecennale collaborazione con il chitarrista Luigi Schiavone. Ne scaturisce l'album Champagne Molotov per la casa discografica SIF che non ottiene il successo sperato.

Il 1983 è l'anno in cui inizia a farsi conoscere, grazie all'album Polvere, che segna il suo ingresso alla CGD, e la single-track omonima che raggiungono un discreto successo, coronato dal secondo posto al Festivalbar e dalla partecipazione alla gara canora Azzurro. Il brano Il mare d'inverno, che inciderà soltanto l'anno seguente, è portato al successo da Loredana Bertè, e lo impone come autore di eccellenza, aprendo gli orizzonti artistici di Ruggeri verso il genere cantautorale, pur senza rinnegare la matrick rock. Nel 1984 Ruggeri torna al Festival di Sanremo con il brano Nuovo swing, che segna la svolta verso uno stile che echeggia lo stile degli chansonnier francesi. Segue l'album Presente, che mescola nuovi brani ad esecuzioni dal vivo, che è anche in gara nel Festivalbar.

Tra il 1985 e il 1986  Ruggeri conosce una stagione di prolifica ispirazione che lo vede pubblicare tre lavori nel giro di diciotto mesi, album che ne sanciscono definitivamente l'ingresso nel novero dei cantautori italiani più apprezzati. Tutto scorre, il mini LP Difesa francese ed Enrico VIII, quest'ultimo il primo a fare il suo ingresso nella Top 20: inoltre al Festival di Sanremo 1986 ottiene il premio della critica per Rien ne va plus, canzone in ritmo ternario con accompagnamento di fisarmonica. Ruggeri diventa anche uno degli autori più ricercati da numerose interpreti femminili. Nel 1987 si ripresenta a Sanremo con Gianni Morandi e Umberto Tozzi con il brano Si può dare di più' che vince la manifestazione. 

Sempre in quell'anno è premio della critica a Sanremo Quello che le donne non dicono cantata da Fiorella Mannoia, la cui musica, è di Luigi Schiavone, che saprà firmare molti altri successi tra i più acclamati di Ruggeri, che spesso figura come unico autore. Nel 1988 realizza l'album La parola ai testimoni, utilizzando piattaforme digitali e strumenti elettronici, ottenendo un discreto riscontro. L'anno seguente, è la volta di Contatti, che presenta tre inediti e la coeva Il funambolo (scritta insieme a Cocciante), orchestrati dalla filarmonica di Mosca, insieme a cover di altri cantautori italiani. Nel 1990, con l'album Il falco e il gabbiano

Segue, l'anno dopo, il suo album di maggior successo, Peter Pan: 400.000 copie vendute in pochi mesi. Al culmine del successo, nel 1993 Ruggeri conquista per la seconda volta il Festival di Sanremo con il brano rock MISTERO, da lui stesso considerato troppo di genere per ambire a una vittoria scontata. Ad esso segue l'album LA GIOSTRA DELLA MEMORIA, che è tra i primissimi a sperimentare la formula dell'album misto di vecchi brani, inediti, interpretazioni di brani scritti per altri ed esecuzioni live, tra cui alcune di queste inedite.

Nel 1994 esce l'album Oggetti smarriti. L'album, di livello paragonabile ai tre precedenti segna un'evoluzione musicale verso sonorità progressive. Nel 1996 la crisi nei rapporti con la casa discografica CGD (passata da qualche anno sotto il controllo dell'americana Warner) determina il parziale insuccesso dell'ambizioso e pregevole album concept Fango e stelle.

Nel 1997, passato alla casa discografica PDU, incide Domani è un altro giorno. L'album guarderà anche al mercato estero con un album in lingua spagnola. Nel 1999 esce L'isola dei tesori, composto in prevalenza da alcuni brani più o meno famosi scritti in passato per altri interpreti e gruppi, spesso con la partecipazione degli stessi artisti. Nel 2000 Ruggeri passa alla SONY-BMG. Esce L'uomo che vola che contiene Gimondi e il canniblae sigla del giro d'Italia.

Nel 2002 partecipa con la ballata Primavera a Sarajevo al Festival di Sanremo: Andrea Mirò vi figura come autrice e direttrice d'orchestra. Nel 2003, in coppia con Andrea Mirò, è ancora a Sanremo con Nessuno tocchi Caino, canzone contro la pena di morte, scritta dopo l'adesione all'omonima associazione. Esce l'album Gli occhi del musicista. Nel 2004 in Punk prima di te, reincide i sei ottavi del primo album dei Decibel insieme a cover di brani punk e rock anni settanta. Sempre nel 2004 esce il primo doppio DVD dal vivo, Ulisse, per la Sony Music.

Nel 2005 pubblica Amore e guerra mentre l'anno successivo esce la raccolta Cuore, muscoli e cervello, triplo cofanetto anch'esso diviso tra materiale edito e inedito. Nel 2008 esce un nuovo disco di inediti Rock show dove Enrico torna al rock e parla in prima persona delle esperienze di cantautore rock sulla strada da ormai 30 anni. Il 30 gennaio 2009 è uscito il nuovo lavoro dal titolo All in- L'ultima follia di Enrico Ruggeri, un triplo CD.

Nel 2010 arriva La ruota che contiene La notte delle fate presentata al festival di Sanremo. All'album segue un fortunato tour teatrale, nel quale, grazie proprio ad una ruota, vengono sorteggiate le canzoni da eseguire. Nell'autunno 2010 é giudice nella trasmissione X Factor. Il 2011 si apre con Che giorno sarà', suo primo romanzo uscito (e ristampato) da Kowalski (Feltrinelli). Nel 2012 esce Le Canzoni ai Testimoni, un album unico nel suo genere, nel quale 15 esponenti di spicco della musica indipendente rileggono e riarrangiano altrettante canzoni del Rouge, spaziando tra rock, new wave e musica d'autore, evidenziando la grande versatilità di Ruggeri, che si unisce a loro solo per cantare le canzoni.

Nel Dicembre 2012 Enrico ottiene un grande successo di vendite con Non si può morire la notte di Natale, il suo primo romanzo giallo. Nel Maggio 2013 esce Frankenstein, ambizioso concept album abbinato al romanzo L’uomo al centro del cerchio. E’ una rilettura in chiave rock del famoso romanzo di Mary Shelley.

Ascolta i jingle dell'artista (1 jingle)

Photogallery correlate (8)

Video correlati (52)

Discografia Un viaggio incredibile

Un viaggio incredibile

  • Il primo amore non si scorda mai
    2016
  • 'A canzuncella
    2016
  • Quello che le donne non dicono
    2016
  • La badante
    2016
  • La nostalgia del futuro
    2016
  • Peter Pan
    2016
  • Life on Mars?
    2016
  • La canzone della verità
    2016
  • Non c'è pace
    2016
  • Ti avrò
    2016
  • Non finirà
    2016
  • Prima del temporale
    2016
  • All the Young Dudes
    2016
  • Marta che parla con Dio
    2016
  • The Jean Genie
    2016
  • Un viaggio incredibile
    2016
  • I dubbi dell'amore
    2016
  • Il volo su Vienna
    2016
  • Dopo di me
    2016
  • Rien ne va plus
    2016
  • Giorni randagi
    2016
  • Notte di stelle
    2016
  • Lettera dal fronte (Ta-pum)
    2016
  • Punk prima di te
    2016
  • Diamond Dogs
    2016
  • Il portiere di notte
    2016
  • Il cielo di ghiaccio
    2016
  • La linea di meta (feat. Francesco Pannofino)
    2016
  • Trans
    2016