Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece previsti cookie tecnici e di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

ACCETTO
Menu
Ora in onda

Bandabardò

BIOGRAFIA

La Bandabardò nasce l'8 marzo 1993. Enrico "Erriquez" Greppi, cantante franco-lussemburghese-fiorentino riesce a convincere Alessandro Finazzo (Finaz), allora virtuoso chitarrista elettrico, a buttare via ogni amplificatore e a fondare una band che proponesse canzoni da cantare tra amici. La neonata band comincia un tour in Italia e in Francia suonando per locali e anche per strada.

Il primo album, "Il circo mangione" esce nel 1996 ed ottiene un ottimo successo, vincendo anche il Premio Ciampi. Il successo è confermato col secondo album, "Iniziali Bì-Bì", seguito a ruota da un live in edizione limitata, "Barbaro tour". Nel 2000 esce" Mojito Football Club", apprezzato dalla critica e segnalato come disco del mese da Rockerilla. L'anno successivo viene pubblicato un altro live, "Se mi rilasso... collasso", che contiene anche l'inedita "Manifesto".

Ma è con "Bondo! Bondo!" nel 2002 che la band ottiene un successo internazionale con un tour in Spagna, Francia e Svizzera. Nello stesso anno Paolino esce dal gruppo (ora suona con Piero Pelù) e viene sostituito nel tour invernale da Ughito, già percussionista dei Malfunk. Dal 2003 entra a far parte della formazione Jose Ramon Caravallo Armas, (Ramon), ai fiati e alle percussioni. Gli altri componenti della band sono Orla (chitarra elettrica e tastiera), Donbachi (basso e contrabbasso, suonava nell'Orchestra Regionale della Toscana) e il giovane Nuto (batteria).

L'album successivo, "Tre passi avanti", esce nel 2004. Nello stesso anno viene pubblicata l'autobiografia della Banda, scritta con Massimo Cotto e intitolata "Vento in faccia," dall'omonima canzone (edita da Arcana). Collaborano con i Modena City Ramblers nell'album "Appunti partigiani" del 2005, con il brano i Ribelli della Montagna. Nell'ottobre 2005 esce "GE-2001", compilation pubblicata in allegato al quotidiano Il manifesto per raccogliere fondi per i processi seguiti ai Fatti del G8 di Genova, dove partecipano con il brano "La fine di Pierrot".

Il 1º settembre 2006 segna il ritorno discografico della band fiorentina con la raccolta "Fuori Orario" che riceve un ottimo riscontro. "Ottavio", è uscito il 5 settembre 2008. Più recentemente invece sono usciti: "Allegro ma non troppo", il 29 aprile 2010, "Sette x uno" (novembre dello stesso anno), ed infine nel maggio 2011 "Scaccianuvole".

Dopo 3 anni di pausa, nel ventunesimo anno dalla nascita del gruppo, il 10 giugno 2014 esce l'ultimo (ad oggi) album del gruppo intitolato "L'improbabile", il primo album della loro storia realizzato per una major, la Warner Music Group. Il primo singolo è “E allora il cuore”, cui partecipa la guest-star Alessandra Contini, cantante-bassista de Il Genio. Nel frattempo la band realizza la colonna sonora del film "L'Universale", di Federico Micali, che esce nelle sale nell'aprile del 2016.

Discografia L'improbabile

L'improbabile